• Italiano

Morto da Feltre. Le grottesche della Santissima Annunziata

L’intervento di restauro

 

STORIA

In quelli che furono gli ambienti del Convento della SS. Annunziata di Firenze, attualmente sede dell’Istituto Geografico Militare, sono state riscoperte diverse pitture, che rappresentano un esempio inedito della pittura a grottesca del primo Cinquecento.

Questi affreschi sono stati attribuiti a Morto da Feltre, il quale, come apprendiamo dal Vasari, apparteneva a quel gruppo di artisti che, soprattutto negli anni a cavallo tra la fine del Quattrocento e l’inizio del Cinquecento, erano soliti introdursi, attraverso stretti cunicoli, nelle stanze della Domus Aurea, la reggia che Nerone si era costruito nel cuore di Roma e grazie ai quali questi ambienti ingombri di terra e detriti, rivelarono mirabili dipinti, che offrirono agli artisti del tempo originali suggerimenti decorativi.

Le pitture di Morto da Feltre sono state realizzate su una parete, oggi appartenente ad un vano-soffitta sopra l'attuale biblioteca, nel braccio nord del secondo chiostro del convento della SS. Annunziata, annesso all'Istituto Geografico Militare già dal primo Ottocento.

La decorazione è costituita da due grottesche raffiguranti il medesimo soggetto, che si differenziano solo per le diverse specie di uccelli e di insetti rappresentati entro specchiature. L’iconografia risulta molto particolare e sono ben distinguibili elementi riferibili alla celebrazione mortuaria.

Sono state ipotizzate varie letture iconologiche rispetto a tali pitture, ma la più coerente sembra essere quella della celebrazione del Vecchio e del Nuovo Mondo, ossia del continente europeo e dell’America appena scoperta.

Le fonti testimoniano inoltre che Morto da Feltre, al ritorno da Roma, si stabilì per un periodo nella Foresteria dell’Annunziata, attratto sia dalla presenza di Leonardo da Vinci, il quale si stava dedicando a studi sulla biologia, che dal laboratorio di ceroplastica del convento dove venivano modellate maschere funebri per gli ex-voto.

[Il recente ritrovamento ed il restauro riaprono il dibattito critico e consentono di esaminare le particolarità stilistiche dell’artista e la tecnica esecutiva di quest’opera.]

 

TECNICA ESECUTIVA

Le due specchiature, realizzate sulla stessa parete di una soffitta ricavata sopra al grande salone della biblioteca, sono separate da una sorta di finestra, che appare contornata da una fascia grigia, dipinta a simulare una cornice in pietra serena.

A seguito di attente analisi sulla pittura si è arrivati alla conclusione che le due specchiature dipinte sono state realizzate sulla tamponatura di due finestre o aperture preesistenti. Risulta, infatti, presente una sovrammettitura tra gli intonaci, in corrispondenza della porzione di intonaco di forma rettangolare che sormonta quello della parete, in corrispondenza di entrambe le grottesche.

Tutto ciò viene confermato anche dall’analisi, a luce radente, della muratura sul retro, che ha dimostrato una discontinuità tra gli intonaci, determinata dalla loro messa in opera in momenti diversi.

In entrambe le grottesche, in prossimità della giornata centrale, sono stati riscontrati residui di paglia, materiale impiegato per rallentare la reazione di presa e i tempi di asciugatura. L’intonaco presenta inoltre una diversa lavorazione della superficie a seconda della zone: più liscio e compatto sulle fasce laterali e più rugoso nelle zone centrali. Inoltre la giornata centrale è l’unica zona sulla quale il pittore ha lavorato su di un intonaco fresco, almeno per quanto riguarda il disegno.

Le ombre sono ottenute giustapponendo gli scuri ai chiari e le campiture del colore sono costituite da stesure cromatiche omogenee e coprenti. Le zone in migliore stato di conservazione ci forniscono preziose informazioni sulla tecnica esecutiva. Si susseguono stesure cromatiche di notevole spessore a velature di colore che, probabilmente, erano stemperate in un legante di cui non si conosce ancora la natura.

 

STATO DI CONSERVAZIONE

Il convento della SS. Annunziata e gli ambienti adiacenti hanno subito, nel tempo, varie trasformazioni, che hanno determinato e condizionato lo stato di conservazione delle grottesche. Attualmente la parete decorata risulta accessibile solamente attraverso una scaletta esterna posta sul tetto e raggiungibile da una finestra al terzo piano dell’Istituto Geografico Militare; inoltre negli anni questo ambiente è stato destinato a soffitta compromettendo così le parti dipinte.

Il rifacimento del tetto, praticamente a diretto contatto con le pitture, pur se realizzato in tempi recenti, ha procurato numerosi danni, causati principalmente dalle inevitabili e frequenti infiltrazioni di acqua piovana, durante l'esecuzione dei lavori. Tali infiltrazioni ed il conseguente inumidimento della parete hanno innescato pericolosi fenomeni di degrado sulla superficie dipinta; la cristallizzazione dei sali inquinanti in superficie ha causato la perdita di coesione di molte zone, con fenomeni di sollevamento e caduta della pellicola pittorica, specialmente per la grottesca sinistra. Le percolazioni di acqua piovana hanno determinato sia il dilavamento del colore che l’indebolimento delle stesure cromatiche in entrambe le grottesche e ad aggravare la situazione hanno contribuito, altresì, numerose sgocciolature di materiale bituminoso impiegato per la verniciatura dei travicelli, nonché una scritta vandalica eseguita con spray industriale sull’intera zona inferiore della grottesca sinistra.

 

INTERVENTO EFFETTUATO

Lo scopo dell’intervento effettuato dall’Opificio è stato quello di assicurare alla pittura la messa in sicurezza degli intonaci e il ristabilimento dell’adesione e della coesione dei materiali originali.

Le operazioni svolte si sono concentrate sul preconsolidamento del colore, sul consolidamento tra gli intonaci pittorici e il supporto murario, sulla pulitura e infine sul consolidamento della pellicola pittorica. Per quanto riguarda l’operazione di preconsolidamento l’intervento è consistito nel far riaderire le grosse scaglie di colore e calce, che si presentavano molto sollevate, con l'applicazione di un polimero acrilico, in luogo della metodologia tradizionale che, nella fattispecie, non si è rivelata efficace.

Il consolidamento degli intonaci, compromesso dai ripetuti ed invasivi lavori di trasformazione e ricostruzione degli ambienti sottostanti ed attigui, è stato eseguito con una speciale malta consolidante; inoltre per garantire la regolarità della superficie e la migliore adesione al supporto murario le zone consolidate sono state sostenute con “puntelli” fino alla completa asciugatura della parte consolidata.

Infine la pulitura è stata differenziata a seconda dello stato di conservazione della superficie pittorica e della consistenza e della natura del materiale di deposito. Uno spesso strato di materiale polverulento e incoerente si era depositato sulla pittura durante gli anni di abbandono, inibendo la corretta lettura dei dipinti; ad esso si erano aggiunti gli schizzi di vernice protettiva bituminosa ai quali andava a sommarsi l’effetto deturpante della scritta vandalica.

Per questi motivi la pulitura è stata selettiva, differenziata e blanda, a seconda delle parti dipinte. La grottesca sinistra, in peggiore stato di conservazione, oltre a fenomeni di polverulenza del colore e alla presenza di depositi di materiale estraneo, mostrava diffuse e numerosissime gocce di materiale bituminoso impermeabilizzante. Costituendo un evidente elemento di disturbo, gli schizzi sono stati rimossi singolarmente.

Per quanto riguarda il consolidamento della pellicola pittorica si è ritenuto opportuno effettuare prove di consolidamento con il metodo del bario ad impacco, che ha dato buoni risultati, senza produrre alcun imbianchimento ne' ingiallimento.

In seguito alla conclusione delle operazioni di ritocco pittorico è stata valutata l'ipotesi, successivamente accantonata, di effettuare il distacco dell'opera per ricollocarla in un ambiente che ne consentisse la fruizione.

BIBLIOGRAFIA

 

  1. C. Acidini Luchinat, Le grottesche, in Storia dell'Arte Italiana, vol XI, Torino 1982, pp 156-200.

  2. M. Ambrosi, Preparazione e caratterizzazione chimico-fisica di nanoparticelle cristalline di CaOH)2 . Applicazioni nell'ambito del consolidamento di pitture mural,. Tesi di laurea in Chimica, Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali, Università degli Studi di Firenze, 1996, Biblioteca di Chimica dell'Università degli Studi di Firenze.

  3. M.Ambrosi, P.Baglioni, L.Dei, R. Giorni, C.Neto, Colloidal particles of Ca(OH)2 : properties and applications to restoration of frescoes, in “ Langmuir”17 (2001), 4251.

  4. C.Arcolao, Le ricette del restauro: malte, intonaci, stucchi del XV al XIX secolo, Venezia 1998.

  5. Biografia di Pietro Luzzo detto il Morto da Feltre, in "Giornale dell'Alpigiano", (Appendice 118), 1887, pp7-8

  6. P. Baglioni, R. Giorgi, Metodologie chimico fisiche innovative per la conservazione dei dipinti murali, in” OPD Restauro”, 1999, n.11, pp 76-84.

  7. P. Baglioni, L. Dei, E. Ferroni, F. Piqué, G. Sarti, New autogenous lime-based grouts used in the conservation of lime-based wall paintings, in “Studies in Conservation”, Volume 42, Number 1, 1997.

  8. U. Baldini, Teoria del Restauro e unità di metodologia, vol.1-2, Firenze 1978

  9. P. Barocchi, G. Paleotti, Discorso intorno alle immagini sacre e profane, ecc., Bologna 1581-82, riedito nel testo della editio princeps, in P.Barocchi, Trattati d’arte del Cinquecento. Fra Manierismo e controriforma, vol. II, Bari 1961.

  10. T. Becker, Allgemaine Lexikon Der Bildenden Kunst, XXIII, Leipzig 1929.

  11. R.Bianchi Bandinelli, L'arte romana al centro del potere, Roma 1970.

  12. G.Biasuz, Il «caso» del pittore Lorenzo Luzzo,, in “Archivio storico di Belluno, Feltre e Cadore”, n.53, 1982.

  13. I. Brajer, N. Kalsbeek, Limewater absorption and calcite crystal formation on a lime-water- impregnated secco wall painting, in “Studies in Conservation”, 44(1999), pp 145-156.

  14. C. Brandi, Teoria del Restauro, Roma 1963.

  15. M. Caffi, Il morto da Feltre e Lorenzo di Luzo da Feltre, in “Archivio storico lombardo”, XVI, 1889, pp 939-950.

  16. M.Carchio, A.Del Meglio, R.Manescalchi, Firenze, Santissima Annunziata: le grottesche del «Morto», in “ Bollettino degli ingegneri”, n.10, 2004, pag 16.

  17. M.Carchio, A.Del Meglio, R.Manescalchi, E.Ruggiano, Leonardo all'Annunziata, in “La storia delle Cose,n.65, ed.Mediterraneo, pp.56-59.

  18. E. Casalini, Maestro Stefano d'Antonio pittore e il secondo chiostro dell'Annunziata di Firenze, Roma 1960.

  19. S. Claut, Nuovi contributi sul pittore Lorenzo Luzzi, in “Dolomiti”, IV, n.1, 1981.

  20. S. Claut, Regesto Luzzo, in “Archivio storico di Belluno, Feltre e Cadore”,L.III,n.238-239, pp 53-60.

  21. S. Claut, Schede per un Catalogo di Lorenzo Luzzo, in “Archivio Storico di Belluno, Feltre e Cadore”, n.56, pp, 75-83.

  22. S. Claut, «Nuda membra e Satirorum salaces gestus» sulle case dipinte da Lorenzo Luzzo, in”Arte Veneta”, 2003, pp. 179-190.

  23. B.Cellini, Vita di Benvenuto Cellini orefice e scultore fiorentino da lui medesimo scritta, nella quale si leggono molte importanti notizie appartenenti alle arti ed alla storia del secolo 16 , cap XXXI, Firenze 1957, pp. 153-55.

  24. A. Chastel, La grottesca,  Torino 1969.

  25. J.A.Crowe, G.B.Cavalcaselle, A history of painting in North Italy , Londra 1912.

  26. N. Dacos, La decouverte de la Domus Aurea et la formation des grottesquea à la Renaissance, London-Leiden 1969.

  27. A.Del Meglio, R Manescalchi, Tracce di antichità del Convento della SS. Annunziata nei locali dell'Istituto Geografico Militare, Firenze 2005, pp 127-137.

  28. Dimos, Tecniche di esecuzione e materiali costitutivi, I.C.R.1979, pp179-212.

  29. G. Ericani, Lorenzo Luzzo, Pietro Manescalchi ed il '500 feltrino, ….1994

  30. E. Ferroni, V. Malaguzzi Valery, G. Rovida, Experimental study by diffraction of heterogeneous systems as preliminary to the proposal of a technique for the restoration of gypsum polluted murals, ICOM Conference, Amsterdam 1969.

  31. E. Ferroni, Chimica fisica degli intonaci affrescati, in”Problemi di conservazione”, Bologna 1973, pp269-281.

  32. M. Gaggia, Intorno a Lorenzo Luzzo detto Zarotto (morto da Feltre),in ”Rivista d' arte”, n. 12, 1930 pp 421-429.

  33. M. Gaggia, Intorno al morto da Feltre, in”Archivio storico di Belluno, Feltre, Cadore”, 1935, 17, pp 753-757.

  34. E. Gaspari Campani, La SS. Annunziata ed il morto da Feltre, in “Firenze”, n. 8, 1935.

  35. C. Giannini, Lessico del Restauro: storia, tecniche, strumenti, Firenze 1992.

  36. R. Giorgi, Sospensioni stabili di idrossido di calcio in alcoli alifatici a catena corta. Applicazioni nell'ambito della conservazione dei beni culturali, Tesi di laurea in Chimica, Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali, Università degli Studi di Firenze, 1996, Biblioteca di Chimica dell'Università degli Studi di Firenze.

  37. P. Baglioni,  L.Dei,R.Giorgi,  A new method for consolidating wall paintings based on dispersion of lime in alcohol, in" Studies in Conservation”, 45, 2000, p154.

  38. C. Hulsen, Morto da Feltre, in“Mitteilungen des Kunsthistorischen Institute in Florenz“, 2, 1912/17, n.3-4, pp 81-89.

  39. La Fabbrica dei colori: pigmenti e coloranti nella pittura e nella tintoria,Roma 1986.

  40. G.Lanzi, Storia della Pittura Italiana, Bassano M.DCCC.XVIII, III, 1805, pp 78-80.

  41. D.Levi, Cavalcaselle. Il pioniere della conservazione in Italia, Torino 1988.

  42. S. Martucci di Scarfizzi, Consolidamento preventivo e finale di pitture murali degradate. Applicazione sperimentale di nano-particelle di idrossido di calcio in laboratorio ed in situ, Tesi di Diploma all’Opificio delle Pietre dure di Firenze, biblioteca O.P.D. Firenze 2005.

  43. S.Martucci di Scarfizzi, Il morto da Feltre e le Grottesche dell'Annunziata, Tesi di Laurea in Tecnologie per la diagnostica ed il restauro, Università della Tuscia di Viterbo, Viterbo 2006.

  44. M. Mattini, A. Moles,  La “Metodologia del Bario” in relazione ai problemi di solfatazione e decoesione che interessano i dipinti murali, in “Il restauro delle opere d’arte”, Mantova 1987.

  45. M. Matteini, A. Moles,  Aspetti critici del trattamento fondato sull’impiego di idrato di bario, in “Pitture Murali”, Firenze 1990.

  46. E. Molmenti, La questione del Morto da Feltre, Marzocco n.4, 1910

  47. P. Morel, Les grottesques: les figures de l'imaginaire dans la peinture italienne de la fin de la Reinassence , 1997.

  48. A. Paoletti, A proposito del Morto da Feltre, in “Patria del Friuli”, 1910.

  49. B. Pasole, Breve compendio delle cose più notabili dell'antiquissima et nobilissima città di Feltre comontiando dalla sua Fondazione fino all'anno dell'umana salute 1580, Manoscritto presso la biblioteca Correr di Venezia.

  50. L.Dei, B.Salvadori, Syntesis of Ca (OH)2 nanoparticles from diols, Langmuir 17, 2001, 2371.

  51. B.Salvadori,  Nanomateriali inorganici per il consolidamento di manufatti di interesse artistico architettonico, Università degli Studi di Firenze. Dottorato di Ricerca in Scienza per la Conservazione dei Beni Culturali. Dicembre 2004, Biblioteca Nazionale di Firenze e Roma.

  52. G.Vasari, Le Vite de' più eccellenti architetti, pittori, scultori da Cimabue, insino a' tempi nostri, Torino 1991, pp 783-784.

  53. L. Venturi, Pietro Lorenzo Luzzo ed il Morto da Feltre, in” Arte”, Anno XIII fasc.V 1910 Roma.

  54. A. Venturi, Lorenzo Luzzi detto il Morto da Feltre, in “Storia dell'arte italiana. La pittura del Cinquecento”, IX, Parte III, Milano, 1928.

  55. R. Zotti, Morto da Feltre,  Padova 1911

  56. F.Bandini, C.Danti, P.I.Mariotti, Serena Martuzzi di Scarfizzi, Le grottesche della Santissima Annunziata a Firenze: la scoperta la tecnica esecutiva, la scoperta, OPDRestauro 18-2006.