• Italiano

Laboratorio scientifico

Il Laboratorio Scientifico dell’Opificio nasce nel 1975, in concomitanza con l’istituzione del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali. Fin dall’inizio è stato strutturato in modo da svolgere parallelamente attività diagnostiche sui manufatti antichi in restauro e di ricerca nell’area della conservazione. Alle competenze chimiche inizialmente disponibili si sono successivamente aggiunte quelle di tipo fisico e biologico. Il Laboratorio esplica uno dei compiti istituzionali fondamentali dell’OPD, quello della diagnosi e della ricerca scientifica. L’attività del laboratorio si integra con quella dei diversi settori di Restauro dell’Istituto e con la Scuola di Alta Formazione.


Le principali attività del laboratorio riguardano:

  • diagnostica per la conoscenza e la caratterizzazione dei materiali costitutivi delle opere d’arte
  • diagnostica e ricerca sulle alterazioni chimiche, fisiche e biologiche di opere d’arte
  • assistenza tecnico-scientifica alle problematiche di conservazione e restauro
  • ricerca e sviluppo di nuove metodologie di intervento per conservazione e restauro
  • ricerca ed elaborazione di nuove metodologie diagnostiche per l’indagine scientifica delle opere d’arte
  • controllo delle caratteristiche di nuovi prodotti e metodologie di restauro e valutazione della loro idoneità
  • partecipazione a convegni specialistici su conservazione e restauro
  • partecipazione a comitati e commissioni italiani ed esteri per la redazione di normative inerenti  conservazione e restauro
  • attività di formazione e didattica, relativamente agli insegnamenti scientifici, nell’ambito della Scuola dell’Istituto e di altre Istituzioni pubbliche di formazione nel settore
  • diffusione dei risultati diagnostici e di ricerca acquisiti in convegni, conferenze, seminari, mostre, riviste specialistiche italiane e straniere, libri, etc.

AVVISI

Annuncio dell'apertura della call per l'attività di ARCHLAB  (apre  sito ARCHLAB)