• Italiano

Fotografia di tipo analogico

I formati utilizzati per le riprese effettuate mediante apparecchiature di tipo analogico possono così riassumersi:

Il medio formato (6x6 cm²)

In questo formato veniva eseguita la documentazione a colori di tutte le opere: esso costituiva il formato normalizzato dell’Archivio fotografico dell’OPD in cui confluivano tutte le immagini da ogni settore di restauro.

Insieme alla documentazione in digitale vengono tuttora eseguite in questo formato le riprese del fronte e del retro dell’opera prima e dopo il restauro sia in b/n che a colori (su diacolor), in alcuni casi, a seconda delle esigenze di studio, viene documentata anche la fase durante il restauro.

(Tutte le riprese sono effettuate impiegando attrezzatura del sistema Hasselblad).

Il piccolo formato (24x36 mm²)

In questo formato veniva invece effettuata la documentazione di riprese ravvicinate (macro e microfotografia) e di indagini speciali (quali l’infrarosso in b/n e in falsi colori e la fluorescenza ultravioletta); le immagini in questo formato erano quelle più utilizzate per scopi didattici e dimostrativi.

Il grande formato (10x12 cm², 13x18 cm², 18x24 cm²)

Questo formato viene usato per esigenze particolari, quando si ha cioè la necessità della massima qualità in grado di supportare i massimi ingrandimenti, servendosi per la ripresa di pellicola piana.

(Tutte le riprese sono realizzate con fotocamere a banco ottico del sistema Sinar e Linhof)

Fis 10 visibileFis 10 radenteLabFot 44 Orefi OstensLabFot 45 Orefi OstensLabFot 46 Orefi ostens dettLabFot 40 Orefi angelo