• Italiano

L’alluvione e il restauro: le esperienze dell’Opificio delle Pietre Dure da Cimabue a Vasari. Conferenza di Marco Ciatti

23/01/2017

L’alluvione e il restauro: le esperienze dell’Opificio delle Pietre Dure da Cimabue a Vasari

Marco Ciatti - L’alluvione e il restauro:  le esperienze dell’Opificio delle Pietre Dure da Cimabue a Vasari   coordina Luca Ciancabilla

La conferenza vuole ricostruire l’attività di restauro delle opere d’arte danneggiate dall’alluvione del 1966 di Firenze con particolare riferimento alla tipologia più colpita da tale disastro e cioè i dipinti su tavola. Verranno presentate le modalità del danno, le scelte organizzative ed i risultati conseguiti attraverso un lavoro durato cinquant’anni. Tali complessi interventi di restauro verranno sinteticamente presentati in modo da far riflettere anche sulle costanti innovazioni intervenute sia sul piano della tecnica sia su quello delle scelte teoriche attraverso una serie di casi significativi quali la Deposizione dalla Croce di Alessandro Allori, la Croce di Cimabue, la Croce di Lippo di Benivieni, la Discesa di Cristo al Limbo di Bronzino, la Deposizione dalla Croce di Salviati e l’Ultima Cena di Vasari recentemente riconsegnata e al centro delle manifestazioni fiorentine in occasione dei 50 anni dall’alluvione (1966-2016).


I MERCOLEDÌ DI S. CRISTINA - INCONTRI CON L’ARTE - 2017
Il 25 gennaio, ore 17.00, presso l'Aula Magna di S. Cristina (p.tta Morandi 2, Bologna) sede delle sezioni di Arti Visive del Dipartimento delle Arti.

Home › Ricerca › Le iniziative del Dipartimento › I mercoledì di Santa Cristina › 2017 › L’alluvione e il restauro: le esperienze dell’Opificio delle Pietre Dure da Cimabue a Vasari