• Italiano

La Sala del Paradiso a Scandiano (RE)

Nel 2004 la Soprintendenza per i Beni Artistici, Storici ed Etnoantropologici per le Province di Modena e Reggio Emilia investiva l'Opificio dell'incarico di compiere una sperimentazione metodologica sulle possibilità di rimuovere lo scialbo che nascondeva 21 lunette di una sala del lato nord della Rocca Boiardo a Scandiano (RE).

La Sala rivestiva un'importanza considerevole perché fino a quel momento solo dallo studio dei documenti si poteva ipotizzare che si trattasse della Camera del Paradiso, dipinta nella Rocca da Nicolò dell'Abate negli anni '40 del Cinquecento. Il ritrovamento di alcuni brani di colore, durante una campagna di saggi stratigrafici, faceva pensare di aver trovato conferma agli studi d'archivio.

Il nostro lavoro si prolungava così per tre mesi durante i quali impostavamo lo studio della tecnica pittorica e cercavamo di ricostruire la storia conservativa della sala e sperimentavamo diversi metodi per il difficile traguardo di separare lo scialbo coprente dalla delicata pellicola pittorica. Si trattava infatti, come gli studi analitici hanno poi confermato, di una pittura completamente a secco, stesa su alcuni strati preparatori costituiti da carbonato di calce e un legante organico.

Dopo la redazione del nostro progetto d'intervento, l'incarico dell'intero descialbo veniva appaltato ad una ditta di restauro, seguita da noi per ogni difficoltà incontrata, così come per le diverse verifiche analitiche nella valutazione dei trattamenti. L'intervento concluso per quella che si è rivelata una sequenza di paesaggi accompagnata in basso da un fregio con vari elementi vegetali, interrotto da mensole antropomorfe dipinte in monocromo rosso. L'insieme della Sala comprendeva infatti in origine una struttura a volta unghiata con pennacchi e centro decorato, le cui pitture furono però staccate probabilmente alla fine del Settecento e portate a Modena, dove ora si trovano.

 *in corso di aggiornamento

PiantaLa Camera del ParadisoLunettaParticolareDettaglio del mascherone dopo la pulituraParticolare dopo la pulituraParticolareParticolare della pitturaDettaglio in luce radenteIl Convito di Nicolò dell'Abate