• Italiano

A. Bronzino, Il nano Morgante (Firenze, Galleria Palatina)

Un articolo su "La Repubblica"  e Galleria fotografica

Da Bacco a nano Morgante la metamorfosi di Bronzino

All'Opificio un nuovo volto per tanti capolavori. Si restaura anche il più antico dipinto su tela opera di Guido da Siena e databile 1260-70 di Mara Amorevoli 

Da Bacco a nano Morgante. Una metamorfosi per la tela di Bronzino, in corso nel Laboratorio dell'Opificio delle Pietre Dure alla Fortezza. Ridipinto e trasformato in Bacco nel 1724 - con coppa in mano e decorazioni di pampini e tralci d'uva - torna ora ad essere il ritratto del nano preferito alla corte di Cosimo I de' Medici. Un doppio ritratto, che sul retro lo raffigura come tozzo cacciatore con civetta sulla spalla, che vedremo il 24 settembre nella grande mostra che Palazzo Strozzi dedica a Bronzino. E' uno degli importanti restauri in corso all'Opificio, tra altre meraviglie e scoperte. .... (leggi l'articolo su "La Repubblica)