• Italiano

Esposizioni Settore Oreficerie dal 2003 al 2010

 Effetto restauro

Il Museo dell’Opificio ospita periodicamente brevi esposizioni di opere restaurate presso i Laboratori. Tale iniziativa ha preso nome durante la Soprintendenza Lapi Ballerini di “effetto restauro”.

Il nostro laboratorio ha visto come prima protagonista di queste esposizioni l’opera palermitana dell’orafo Montalbano, detta “La sfera d’oro” nel 2003, al termine del suo pionieristico restauro.

Nel 2008 dalla collaborazione tra il Laboratorio di Falegnameria dell’Opificio e quello di Oreficerie, è stato portato a termine il restauro di uno stipo di collezione privata, le cui porte in argento sono una riproduzione miniaturistica molto fedele delle Porte del Paradiso di Lorenzo Ghiberti.

A seguire, nel 2009, è stato presentato il Busto Reliquiario di S. Orsola, raro esemplare tardo gotico di oreficeria policroma, proveniente dalla Pinacoteca Comunale di Castiglion Fiorentino (AR).

L’ultimo oggetto esposto in Museo è stato il Reliquiario della Sacra Cintola del Duomo di Prato nel 2010, il cui restauro è stato condotto a seguito della sostituzione del la teca antica con una moderna, per una migliore conservazione della reliquia ed una corretta musealizzazione dell’originale seicentesco.

  • Leonardo Montalbano, Ostensorio detto “la sfera d’oro” (vedi la galleria fotografica), 1640-41, oro, argento dorato, diamanti, smalti traslucidi e opachi, Galleria di Palazzo Abatellis, Palermo (PA)

  • Giuseppe Accarisi, Stipo in Ebano con la Porta del Paradiso   >(vedi la galleria fotografica), 1898-99, ebano, argento, premiato all’Esposizione Universale di Parigi del 1900, collezione privata, Firenze (FI)

  • Manifattura alto-renana, smalti di manifattura parigina, Busto-reliquiario di S. Orsola   >(vedi la galleria fotografica), prima metà del XIV- primo quarto del XV secolo, argento dorato, smalti traslucidi, paste vitree, pietre dure, volto policromo a tempera, Pinacoteca Comunale di Castiglion Fiorentino (AR)

  • Manifattura milanese, Teca-reliquiario della Sacra Cintola >(vedi la galleria fotografica) 1638, argento dorato, oro, smalti traslucidi e en ronde bosse, cristallo di rocca, Museo dell’Opera del Duomo di Prato (PO)