• Italiano

Arazzi con Storie di Giuseppe Ebreo

Giuseppe fugge dalla moglie di Putifarre: prima del restauroGiuseppe fugge dalla moglie di Putifarre, manifattura medicea, cartonista Agnolo Bronzino, arazziere Niccola Karcher, metà XVI secolo, arazzo in lana, seta, argento, argento dorato, Palazzo Vecchio, già nella Sala dei Duecento, Firenze.
GIACOBBE: Particolare della scena Giacobbe benedice i figli di Giuseppe, manifattura medicea, cartonista Agnolo Bronzino, arazziere Niccola Karcher, metà XVI secolo, arazzo in lana, seta, argento, argento dorato, Palazzo Vecchio, già nella Sala dei Duecento, Firenze.

I due arazzi, attualmente in corso di restauro, fanno parte della prestigiosa serie di venti pezzi, interamente sopravvissuta, raffigurante le Storie di Giuseppe Ebreo, tessute per incarico di Cosimo I dei Medici nella manifattura granducale alla metà del XVI secolo dagli arazzieri Niccola Karcher e Giovanni Rost su cartoni forniti da Agnolo Bronzino, Jacopo Pontormo, Francesco Salviati. Dalla fine del XIX secolo la serie è ugualmente divisa fra la sede originaria di Palazzo Vecchio e il Palazzo del Quirinale; gli arazzi rimasti a Firenze furono rimossi dalle pareti della Sala dei Duecento nel 1983 per le loro precarie condizioni conservative e fu intrapreso il loro restauro.
Degli altri otto arazzi della serie, il restauro è già stato concluso; l'intervento sugli ultimi due è stato intrapreso contemporaneamente nel 2006 e la conclusione è prevista per la fine del 2009.

La complessa operazione del lavaggio, indispensabile per liberare l'arazzo dalla pluricentenaria quantità di polvere, fumi e grassi accumulati, nonché per restituire alle fibre idratazione ed elasticità, è stata preceduta da un lungo periodo utilizzato per effettuare un mirato consolidamento in vista del lavaggio stesso (tale intervento era indispensabile per le precarie condizioni conservative delle opere); l’operazione si è rivelata particolarmente utile perché si è trattato di un vero e proprio restauro che ha preceduto quello consueto che generalmente si intraprende dopo che l’arazzo è stato lavato. In questo modo l’intervento in corso si può definire in alcune parti come completamento.
Come per gli altri arazzi già restaurati della serie, si procede, con l'integrazione delle trame mancanti: se è possibile, con la ricollocazione di trame dello stesso colore di quelle perdute, altrimenti con la ritessitura in sottotono, che ha comunque funzione di collegamento cromatico e materico. 


Direzione dei lavori
Clarice Innocenti

Restauratore
Gianna Bacci

Indagini Scientifiche
Isetta Tosini


Il restauro è realizzato dalla ditta "Trama e Ordito" con finanziamento dell'Ente Cassa di Risparmio di Firenze e contributo dell'Opificio delle Pietre Dure.

Presso la ditta Primo Brachi di Prato sono state eseguite le indagini merceologiche sulle fibre originali.

Giuseppe fugge dalla moglie di Putifarre: prima del restauroGiuseppe fugge..: Particolare prima del restauroGiuseppe fugge ..: Particolare della bordura Giacobbe: Particolare della scena Giacobbe…:Particolare del volto prima dell’intervento di restauroGiacobbe. Particolare del volto dopo l’intervento di restauroGiacobbe: particolare prima dell’intervento di restauroGiacobbe: Particolare dopo l’intervento di restauro