• Italiano

Poggio a Caiano, Museo della Natura Morta - L. Todini, Vasi di fiori

Restauro: 1986-1988 
Lorenzo Todini (documentato a Firenze nel nono decennio del XVII secolo)
Cinque pergamene dipinte con Vasi di Fiori
Tempera su pergamena mm 480 x  280 circa (ciascuna)
Poggio a Caiano, Museo della Natura Morta (già Firenze, Palazzo Pitti, Galleria Palatina)
Inv. 1890 nn. 3521, 3522, 3523, 3524, 3525.


I cinque dipinti su pergamena - di cui alcuni firmati e datati - furono realizzati da Lorenzo Todini tra il 1684 e il 1688 per la villa medicea  di Poggio a Caiano dove le opere sono segnalate per la prima volta in un inventario del 1692. La serie è estremamente uniforme e si compone di vasi di fiori di foggia raffinata, decorati con motivi vegetali bianchi e blu, contenenti ciascuno un ricchissimo bouquet di fiori di diverse specie. Accanto a ciascun vaso si nota la presenza costante di un uccellino dei quali ne rimane integro solo uno, mentre gli altri hanno subito nel tempo singolari manomissioni.

Tecnica di esecuzione

Il disegno realizzato con pietra nera è delineato con tratti rapidi. La pittura è stata realizzata con una tempera a uovo povera di legante, direttamente sul supporto membranaceo. I pigmenti sono quelli tipici e preziosi della tavolozza antica: bianco di piombo, vermiglione, lacca carminio, verderame, lapislazzuli e oro. Lo sfondo, campito con bianco di piombo di uno spessore di circa 20-25 micron - quindi molto superiore rispetto a quello delle parti figurate – non sembra opera del Todini, ma di un intervento successivo, volto probabilmente a rendere le pergamene più simili a dipinti ad olio.

Stato di conservazione

Come la maggior parte dei dipinti su pergamena provenienti dalle collezioni medicee, le opere si presentavano fissate ad un telaio ligneo con la parte del margine non dipinto ripiegato ed incollato lungo i bordi e inserite in cornice senza il vetro di protezione. I danni erano dovuti a depositi superficiali di sporco e polvere, fori da tarlo e piccole lacerazioni causate dalla poca flessibilità del montaggio rispetto ai movimenti del supporto. In alcuni casi i danni erano consistenti, veri e propri squarci e arrotolamenti della pergamena, con deformazioni e contrazioni molto evidenti. 

Quattro pergamene su cinque presentavano inoltre la manomissione  della parte con  l’uccellino, posto accanto ai vasi, cancellato o ritagliato a seconda dei casi.

L’intervento di restauro

Il restauro ha comportato le seguenti fasi di lavoro:

  • consolidamento del film pittorico della campitura  a  bianco di piombo con metilcellulosa ad alta viscosità
  • leggera pulitura dello sporco superficiale sul recto e sul verso
  • integrazione delle lacune e dei fori da tarlo con polpa di cellulosa e metilcellulosa al 4%
  • ritocco pittorico delle lacune con acquerelli

Tre pergamene, arrotolate e squarciate in vari punti, hanno richiesto altre tipologie di intervento:

  • smontaggio dal telaio
  • umidificazione dei supporti in camera di umidità per reidratare le fibre e ridare planarità alla superficie eliminando così le deformazioni superficiali
  • integrazione degli strappi  con carta giapponese
  • leggera pulitura a secco del recto e del verso dell’opera
  • fissaggio del film pittorico con Akeogard CO (Montedison), applicato a pennello proteggendo il film pittorico con veline giapponesi
  • applicazione di un supporto di carta giapponese
  • montaggio su  telaio ligneo

Direzione del restauro

Maria Grazia Vaccari

Restauratori

Rachele Cardaropoli, Susan Hebblethwaite, Letizia Montalbano, Michela Piccolo.


Bibliografia specifica sull’intervento di restauro

  • M. Mattini, A. Moles, L. Montalbano, S. Novello, M. Piccolo, M.G. Vaccari, Il restauro di cinque pergamene dipinte. Studio sui materiali e metodi di intervento, in “OPD restauro”, n. 3, 1988, pp. 42-52.
  • M.G. Vaccari, Il restauro di cinque dipinti su pergamena, in Conservazione delle opere d’arte su carta e pergamena, atti del convegno (Forgiano, 14-16 aprile 1988), a cura di F. di Serego Alighieri, pp. 63-64.
  • S. Hebbethweite, L. Montalbano, M. Piccolo, Il restauro di cinque dipinti su pergamena: tecnica e stato di conservazione, in Conservazione delle opere d’arte su carta e pergamena, atti del convegno (Forgiano, 14-16 aprile 1988), a cura di F. di Serego Alighieri, pp. 65-68.

Bibliografia essenziale sulle opere:

  • Pergamene fiorite. Pitture di fiori dalla collezioni medicee, catalogo della mostra (Poggio a Caiano (Fi), 13 settembre – 14 dicembre 2014) a cura di M.M. Simari, E. Acanfora, Firenze, 2014, pp. 84-97 (schede nn. 15-19, di M.M. Simari e P. Luzzi).
  • Villa Medicea di Poggio a Caiano. Museo della Natura Morta,catalogo dei dipinti, a cura di S. Casciu, Livorno 2009, pp. 388-393 (scheda n. 156 a-e, di S. Mascalchi).

Approfondimenti

Polo Museale Fiorentino, Centro di Documentazione
  • Vaso di fiori turchino decorato con una sirena dorata e rose, sul piano due ciliegie, 1684 (inv.1890/3521): scheda
  • Vaso di fiori, sul piano un uccellino e un bocciolo di rosa, 1688 (inv.1890/3522): scheda
  • Vaso di fiori, sul piano un uccellino e un fiore (inv.1890/3523): scheda
  • Vaso di fiori, sul piano due susine e una fragola (inv. 1890/3524: scheda
  • Vaso di fiori, sul piano un uccellino su un ramo, una susina e due ciliegie, 1686 (inv. 1890/3525): scheda