• Italiano

Poggio a Caiano, Museo della Natura Morta - G.B. Stefaneschi (?), Vaso con pappagallo e cagnolino

Restauro: 1987-1988
Giovani Battista Stefaneschi ?
Vaso di tulipani, pappagallo e cagnolino
Tempera e guazzo su pergamena, mm 315 x 250
Poggio a Caiano, Museo della Natura Morta (già Firenze, Palazzo Pitti, Galleria Palatina)
Inv. 1890 n. 4753.

L’opera, con il suo pendant, proviene storicamente dalla villa medicea di Poggio Imperiale dov’è documentata già nel 1625. Le due pergamene mostrano la medesima composizione caratterizzata dalla presenza del cagnolino di profilo in basso a sinistra e dal pappagallo sul trespolo a destra, una mosca sul vaso e i tulipani. Le uniche varianti sono date proprio dalla posizione della mosca, dal materiale del vaso e dalla disposizione dei tulipani. Nel corso della recente mostra Pergamene Fiorite è stata avanzata, seppur con estrema cautela, la possibile attribuzione dell'opera al padre servita Giovanni Battista Stefaneschi.

Stato di conservazione

La pergamena era conservata in cornice, sotto vetro, incollata su una sottile lastra di rame a cui era fissata con colla e punti metallici applicati su tutto il bordo. Questo montaggio ha impedito nel tempo i naturali movimenti della pergamena causando spaccature diagonali in almeno quattro punti. I danni maggiori si registravano soprattutto nella parte inferiore e lungo i bordi in cui si notavano anche attacchi biologici da pesciolino d’argento. Il film pittorico era invece in buone condizioni conservative, con solo  alcune piccole cadute di colore circoscritte alla parte inferiore della pergamena.

L’intervento di restauro

Il restauro ha comportato le  seguenti fasi di lavoro:

  • Rimozione dell’opera dalla cornice
  • Stacco della pergamena dalla lastra di rame su cui era incollata sia meccanicamente sia con leggera umidificazione dei bordi dell’opera
  • Pulitura a secco del verso della pergamena da residui di collante e materiale ossidato
  • Risarcimento di strappi e lacune con carta giapponese dopo l’umidificazione della pergamena in camera di umidità
  • Applicazione di un nuovo supporto di carta giapponese con una miscela di metilcellulosa e Plextol 550 in soluzione acquosa
  • Ritocco pittorico ad acquerello delle lacune reintegrate
  • Montaggio dell’opera su un controfondo foderato di carta giapponese, di dimensioni analoghe a quelle della lastra di rame
  • Inserimento dell’opera  nella sua cornice originale 

Direzione del restauro

Maria Grazia Vaccari

Restauratore

Letizia Montalbano


Bibliografia essenziale sull'opera:

  • Pergamene fiorite. Pitture di fiori dalla collezioni medicee, catalogo della mostra (Poggio a Caiano (Fi), 13 settembre – 14 dicembre 2014) a cura di M.M. Simari, E. Acanfora, Firenze, 2014, pp. 48-51 (scheda di E. Acanfora).
  • Villa Medicea di Poggio a Caiano. Museo della Natura Morta, catalogo dei dipinti, a cura di S. Casciu, Livorno, 2009, pp. 300-301 (scheda n. 116 a, di E. Fumagalli).

Approfondimenti

Polo Museale Fiorentino, Centro di Documentazione: scheda

Nota

Nel 2006 il Settore Disegni e Stampe dell’Opificio delle Pietre Dure ha restaurato il pendant della pergamena (inv. 1890, n. 4754). Cfr. scheda relativa.